Salute
Ambiente
Sport
Società
Beni culturali
Patrimoni edilizi
Imprese
Economia
Scuola
Università
Turismo Enogastronomia Virtual
Poleis
Innovazione
Tecnologica
 
 
 HOME > imprese economia    NOTIZIE O Line
 

Abusivismo, Federfiori scrive ai prefetti

Federfiori - Confcommercio chiede un intervento presso i sindaci per combattere il dilagare del fenomeno. "Siamo penalizzati dall'indifferenza delle autorità competenti nell'applicazione delle leggi vigenti"


Si vedono tutti i giorni lungo le strade, ma in occasioni speciali, come nel caso dell’8 marzo, si moltiplicano ad ogni angolo.
Sono i venditori abusivi di piante e fiori, che operano al di fuori delle regole, provocando gravi danni a chi invece le rispetta, e che fa fatica a portare avanti la propria impresa nelle difficilissime condizioni odierne.
I fioristi umbri, che della lotta all’abusivismo hanno fatto la loro bandiera, sostengono l’iniziativa della federazione nazionale Federfiori-Confcommercio, che ha inviato una lettera a tutti i prefetti, e per conoscenza al garante della Concorrenza e del Mercato, per chiedere un intervento presso i Sindaci dei Comuni di competenza affinché combattano con più determinazione il dilagare dell'abusivismo.
I fioristi, sostiene Federfiori-Confcommercio, “sono penalizzati dall'indifferenza da parte delle autorità competenti nell'applicazione delle leggi vigenti contro l'abusivismo. Nell'imminenza della Festa della Donna, appuntamento di grande importanza per la categoria, c’è la necessità di una controllo rigoroso, da parte degli organi preposti, contro ogni forma di abusivismo commerciale e di vendita irregolare di mimosa. Il danno subito incide in maniera sostanziale sulle attività dei nostri associati, ancor più oggi in un momento di gravi difficoltà in cui versa il nostro settore, e la questione va affrontata con la massima serietà ed attenzione”.


(07-03-2013 15:48)



 
[ stampa ]  [ archivio ]  [ home ]

A Perugia, l'inganno di venticinque artisti internazionali

L'arte invade il porto di Marina di Scarlino

Vittoriana Benini, l’artista delle bambole, al Quirinale

Restaurato a Cosenza l’Oratorio dell’Arciconfraternita del Rosario

Peppe Capasso in mostra a Napoli

Arnaldo Pomodoro nella nuova sede della Fondazione